Mostra e Convegno di inaugurazione: “L’ ADIGE E VERONA. Ingegneria e città nell’Ottocento”. In mostra documenti inediti.

 Magazzino1,  Sede Ordine Ingegneri di Verona e Provincia

INGRESSO LIBERO

L’esposizione resterà allestita fino al 28 febbraio 2017

La piena del 1882: i fatti, la solidarietà, l’intraprendenza, i protagonisti e i lavori “in difesa dell’Adige” (1882–1895) che trasformarono per sempre l’immagine di Verona, vengono raccontati attraverso documenti tecnici inediti, accompagnati alla famosa opera fotografica di Giuseppe Bertucci (1890-94). Con uno sguardo alla Verona contemporanea, dal Fiume.

Un appuntamento della rassegna Open. Ingegneri aperti alla città

Scenari Urbani. Metamorfosi e rigenerazione”

Promossa dall’Ordine degli Ingegneri di Verona, intervengono al convegno di apertura il presidente dell’Ordine, ing. Luca Scappini, l’assessore all’urbanistica del Comune di Verona Gian Arnaldo Caleffi, gli ingegneri Angelo Bertolazzi e Ilaria Segala, curatori della mostra; Roberto Mazzei, direttore dell’Archivio di Stato e Luigi Spellini, vicepresidente del Canoa Club Verona che ha dato vita al Museo dell’Adige.  Realtà che, insieme all’Archivio Generale del Comune di Verona, la Biblioteca Civica e la rivista ArchitettiVerona, hanno reso possibile la realizzazione della mostra grazie alla loro preziosa documentazione.

______________________________________________________

mostraadigeverona_muraglioniE’ stata inaugurata sabato 12 novembre alle ore 10 nella sede dell’Ordine degli Ingegneri di Verona la mostra “L’ Adige e Verona. Ingegneria e città nell’Ottocento”, curata dagli ingegneri Angelo Bertolazzi e Ilaria Segala e dagli architetti Alberto Vignolo e Vincenzo Pavan e realizzata in collaborazione con l’Archivio di Stato di Verona, l’Archivio Generale del Comune di Verona, la Biblioteca Civica, la rivista ArchitettiVerona e il Museo dell’Adige (Canoa Club Verona).

Cuore della rassegna culturale OPEN5 che nel 2016 ha affrontato il vasto tema: “Scenari urbani. Metamorfosi e rigenerazione”, la mostra intende raccontare alcune tappe della fondamentale trasformazione che Verona vive lungo tutto l’Ottocento, secolo in cui l’Ingegneria assume un ruolo essenziale nel “ri – disegnare” le città e nel quale le infrastrutture della moderna civiltà industriale cambiano rapidamente la forma della città e il paesaggio urbano.

La realizzazione del sistema difensivo austriaco (1832-1866), la costruzione dei nuovi argini dell’Adige dopo la piena del 1882 , i nuovi collegamenti tra le due rive e il primo sistema fognario della città: sono questi i lavori che costituiscono la cornice entro cui si sviluppa la Verona del XX secolo e che la mostra intende presentare al pubblico e agli studenti, attraverso il prezioso patrimonio documentario degli archivi storici della città.

I MURAGLIONI – La piena dell’Adige del settembre 1882 ha costituito infatti un evento traumatico per la città di Verona, che ha cambiato per sempre la sua immagine. I lavori per la costruzione dei muraglioni (1882-1895) hanno infatti alterato profondamente il rapporto tra il tessuto edilizio e il fiume: il contatto diretto tra l’acqua e l’abitato venne drasticamente interrotto dagli alti muraglioni, mentre l’interramento del Canale dell’Acqua Morta e il taglio dell’Isolo fecero scomparire un operoso quartiere caratteristico della Verona di allora. Anche la sostituzione dei ponti distrutti o danneggiati dalla piena con nuovi manufatti contribuì a cambiare il paesaggio urbano.

IL PATRIMONIO DEGLI ARCHIVI STORICI della città – Due gli obiettivi principali dell’esposizione: in un momento in cui la fragilità del territorio ritorna di drammatica attualità, la mostra intende da un lato evidenziare ancora una volta il ruolo degli ingegneri nel progetto e nella realizzazione di queste infrastrutture. In secondo luogo il percorso espositivo è strumento per far conoscere il ricco patrimonio conservato negli Archivi cittadini, un tesoro fondamentale che viene messo a disposizione e che diventa uno elemento essenziale per la comprensione e quindi per il progetto di tutela del territorio. E questo a monito delle future generazioni

I DOCUMENTI INEDITI – In mostra, in originale e in copia, alcuni documenti tecnici riguardanti i lavori “in difesa dell’Adige” che non sono mai stati pubblicati o esposti al pubblico. Per far comprendere meglio la portata dei lavori e la drammaticità delle conseguenze sul tessuto urbano, i disegni di progetto ed esecutivi dei muraglioni (conservati presso l’Archivio di Stato e l’Archivio del Comune) vengono accompagnati alla già conosciuta opera fotografica di Giuseppe Bertucci del 1890-94 (conservata presso la Biblioteca Civica).

VERONA, LO SGUARDO CONTEMPORANEO. DAL FIUME –  La mostra è completata da una rassegna fotografica contemporanea, i cui scatti testimoniano i risultati e gli effetti, previsti o meno, indotti dai lavori dell’Adige, con uno sguardo quindi rivolto anche al presente. Le immagini sottolineano anche l’importanza di utilizzare discipline e strumenti diversi per la lettura del territorio: oltre il dato tecnico, resta la consapevolezza del ruolo che le opere dell’ingegneria e le infrastrutture posso svolgere nella trasformazione del territorio e del paesaggio.

La mostra, a INGRESSO LIBERO, resterà allestita nel Magazzino 1 (via Santa Teresa 12) fino al 28 febbraio 2017, con l’orario Lun/ven: 9:00 – 18.00.

Dal 23 dicembre 2016 al 5 gennaio 2017 la mostra sarà visitabile dal lun. al ven. dalle ore 9.00 alle 15.00.

L’esposizione resta chiusa il sabato, la domenica e i festivi.

 

TALKS SLIDINGDOORS 2016 – GENERAZIONI: “Guardiamo al capitale umano”

talks2016_relatori3Il pubblico numeroso che ha partecipato giovedì 27 ottobre  – nella suggestiva cornice del Teatro Ristori di Verona   – alla seconda edizione dell’evento Talks Slidingdoors 2016 sul grande tema GENERAZIONI, attesta l’interesse per questa proposta culturale ideata dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri – nella persona del suo vice-presidente ing. Gianni Massa – che l’Ordine degli Ingegneri di Verona ha realizzato nell’ambito della V edizione della rassegna Open. Ingegneri aperti alla città.

GUARDA IL VIDEO introduttivo:

Il format TALKS SLIDINGDOORS è occasione pubblica per una riflessione a più voci su temi forti e urgenti per la società. Come Ordine degli Ingegneri di Verona, abbiamo condiviso questo progetto consapevoli che un Ordine professionale contemporaneo debba sapersi fare interprete delle esigenze della società, veicolando le proprie competenze a servizio della cittadinanza.

In questo sforzo di apertura e dialogo, la scelta del tema Generazioni ci ha subito conquistato perché drammaticamente attuale nelle sue più diverse declinazioni. Non si tratta più solo di uno scontro tra visioni diverse del mondo, oggi parliamo di coesione e sostenibilità sociale.


Gli altri contributi video:

Alessandro Rosina; Ilaria Decimo; Paolo FerraraFranco Cesaro; Eugenio Finardi.


Il nostro tempo – a dirlo il filosofo Remo Bodei nel suo saggio Generazioni. Età della vita, età delle cose – ha indebolito i legami sociali e la fiducia tra le generazioni. Si potrà introdurre un nuovo, più equo e lungimirante patto intergenerazionale?

Come rimettere al centro dell’agenda politica l’urgenza di superare gli “egoismi generazionali” che contraddistinguono e immobilizzano la nostra società contemporanea? Quali le politiche attive da mettere in atto? Come combattere il senso di esclusione e di ingiustizia dei giovani che li porta a fuggire all’estero? Come valorizzare tutto il capitale umano – dai bambini, ai giovani, ai cinquantenni che oggi perdono il lavoro – perché diventi il volano e leva per la competitività e lo sviluppo del Paese?

Dall’andamento demografico che vede l’Italia ultima in Europa per natalità e nei primi posti per longevità, al lavoro che non c’è, dai mancati investimenti sui giovani che se ne vanno ad un welfare non più sostenibile, stiamo vivendo un corto-circuito generazionale che pare non avere soluzione e per il quale la politica non riesce a proporre soluzioni di lungo respiro.

Mi preme sottolineare come – mentre si pensa che l’Italia possa essere attrattiva per le aziende straniere giocando sull’ottima preparazione dei professionisti italiani svendibili a basso costo – stiamo vivendo invece, come categoria, una situazioni allarmante che spinge molti iscritti a emigrare. E chi resta, pensa comunque che il futuro dei propri figli debba necessariamente essere altrove, perché crediamo difficile che possano percorrere la nostra strada.

Occorre, ne siamo convinti, puntare alla valorizzazione del capitale umano delle nuove generazioni, alla meritocrazia, alla libera concorrenza come leva per la competitività e lo sviluppo del paese.  Crediamo nella cultura, nello studio, nell’impegno e auspichiamo per i nostri figli un posto dove questo possa essere il fondamento della società. Il fardello lasciato dalle generazioni passate come eredità ai più giovani sta diventando insostenibile.

I cinque relatori che si sono succeduti sul palco – Alessandro Rosina, Ilaria Decimo, Paolo Ferrara, Franco Cesaro, Eugenio Finardi – ci hanno consegnato alcune tracce possibili per ridisegnare un futuro dove l’attenzione possa essere posta sulle potenzialità e i talenti del “capitale umano” di qualsiasi età. Bambini, giovani, adulti cinquantenni che perdono il lavoro ma che hanno ancora molto da dare alla società. L’impegno deve essere di tutti. Bisogna trovare al più presto una via di uscita, noi siamo pronti a rimboccarci le maniche.

Un sentito grazie ai partner e agli sponsor che hanno reso possibile l’evento. Il Comune e la Provincia di Verona ma anche a tutti gli altri patrocinatori e collaboratori della Rassegna Open. All’Accademia di Belle Arti di Verona, partner tecnico che ha pensato l’allestimento e che ha voluto rappresentare scenograficamente questo “simbolico abbraccio” tra le diverse età dell’uomo.

Agli sponsor che ne hanno reso possibile la realizzazione: Emozione3, main sponsor dell’evento, AGSM e Roberto Bussola, Private Banker di Banca Mediolanum.   Si ringraziano inoltre il magazine Pantheon, media partner dell’evento e il Ristorante Arche e l’Hotel Trieste di Verona per il supporto all’iniziativa.

Ing. Luca Scappini – Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Verona e Provincia