Archivi tag: P101; Perottina; Programma Olivetti 101; Roberto Olivetti; Perotto; De Sandre; Gastone Garziera;

OPEN INNOVISIONI. A VERONA GASTONE GARZIERA DEL TEAM OLIVETTI CHE FIRMO’ IL PRIMO PC DELLA STORIA

In occasione del Convegno:

OLIVETTI PROGRAMMA 101, GLI ALBORI DEL PRIMO PC.

ASCESA E DECLINO DI UN SOGNO TUTTO ITALIANO.

Verona, 11 novembre 2017 – ore 10, Magazzino1, via S. Teresa 12.

Il team Olivetti che realizzò il primo PC della Storia. Da sinistra a destra: seduti, Pier Giorgio Perotto e Giovanni De Sandre; in piedi, Gastone Garziera e Giancarlo Toppi (del piccolo gruppo faceva parte anche Giuliano Gaiti, non presente nella foto)
Il team Olivetti che realizzò il primo PC della Storia.
Da sinistra a destra: seduti, Pier Giorgio Perotto e Giovanni De Sandre; in piedi, Gastone Garziera e Giancarlo Toppi (del piccolo gruppo faceva parte anche Giuliano Gaiti, non presente nella foto – Agosto 1964)

Ha progettato e realizzato, insieme agli ingegneri Pier Giorgio Perotto e a Giovanni De Sandre, il primo personal computer al mondo: la Olivetti Programma 101 – P101 o “Perottina” dal nome dell’ingegnere capo – sviluppata negli anni tra il 1962 e il 1964 e prodotta tra il 1965 e il 1971.

Gastone Garziera – classe 1942, alle spalle un diploma in Elettrotecnica all’ITI “A. Rossi” di Vicenza nel 1961 che gli valse nello stesso anno l’assunzione nel “Laboratorio Ricerche Elettroniche” della Olivetti a Borgolombardo  – sarà a Verona sabato 11 novembre dalle ore 10, relatore al convegno “Olivetti Programma 101, gli albori del primo Pc. Ascesa e declino di un sogno tutto italiano”, promosso dalla Commissione ICT dell’Ordine degli Ingegneri di Verona nell’ambito della rassegna OPEN INNOVISIONI, con il patrocinio del Dipartimento di Informatica dell’Università di Verona.

(Fonti fotogallery: www.storiaolivetti.it; Zenit Arti Audiovisive e FAST/Aica)

L’incontro, che si svolgerà nel Magazzino1 (sede dell’Ordine in via S. Teresa 12), vedrà inoltre la partecipazione del referente della Commissione ICT dell’Ordine ing. Giuseppe Murari e degli ingegneri Alberto Maria Sartori – suo un approccio al contesto e al fermento innovativo in cui nacque questa invenzione  – e Claudio Larini che andrà a presentare un emulatore della P101.

Gastone Garziera sul palco del Tedx Lecce a marzo 2017
Gastone Garziera sul palco del Tedx Lecce nel 2016

Quella della Olivetti Programma 101 è la storia di un’invenzione tutta italiana, frutto della visione illuminata della Divisione Elettronica della Olivetti degli anni Cinquanta e Sessanta. Un team di giovani ingegneri e collaboratori che diedero vita ad un calcolatore da scrivania famoso in tutto il mondo per il design allora rivoluzionario firmato da Mario Bellini e per le numerose innovazioni che ha saputo portare nell’informatica e nella tecnica elettronica. E che avrebbe dominato i mercati negli anni seguenti.

L’intuizione di questa macchina geniale per soluzioni tecnologiche e modalità d’uso anticipava a tutti gli effetti – siamo appunto nel 1965 –  di oltre un decennio i primi approcci delle imprese americane a progetti di personal computer. “Presentata a New York nell’ottobre del 1965 – si legge nel sito www.storiaolivetti.it -, la P101 introduce per la prima volta il concetto di informatica distribuita e personale. Può essere programmato utilizzando schede magnetiche e incorpora una piccola stampante. Le schede magnetiche su cui si registrano i dati e le istruzioni di programmi (formule matematiche, calcoli scientifici e tecnici, statistici e amministrativi), consentendo l’impiego immediato del calcolatore da parte di ogni categoria di utilizzatori. I programmi possono essere creati dall’utente o ripresi dalle raccolte già preparate dalla Olivetti. Le schede magnetiche di fatto svolgono una funzione simile a quella che in seguito avranno i floppy disk”.

Gastone Garziera, protagonista dunque di quella emblematica storia dell’imprenditoria italiana, racconterà, anche con supporti video dall’archivio storico della RAI, i presupposti, il fermento innovativo di quegli anni e il lavoro condotto sotto la supervisione di Roberto Olivetti che portarono ai prodomi del personal computer.